mercoledì 3 febbraio 2010

Mr B. in Israele: "giusti missili su Gaza".
Quello che i TG non vi hanno detto



Questa sera i Telegiornali hanno inondato le case con un pò di sana propaganda. Chiaramente mascherata da evento "eccezionale", "unico"...
"Per la prima volta un Presidente del Consiglio italiano è stato invitato a tenere un discorso alla Knesset"
Inizia il TgEuropa7 Tg4, poi a reti unificate il Tg1 e il Tg5.

B. elogia Israele "Grazie di esistere", "Siete un esempio di democrazia". Il discorso letto è curato nei minimi dettagli, parola per parola.
Poi B. ad un certo punto stacca gli occhi dal foglio e continua per un istante il discorso a braccio.
Un attimo, quanto basta per esagerare.


"L’Italia è orgogliosa di molti gesti di solidarietà verso il vostro paese, come ad esempio il rifiuto del nostro governo a partecipare alla Conferenza “Durban II” di Ginevra, che voleva sanzionare Israele con intollerabili accuse di razzismo e di violenza.
Come il nostro voto contrario al rapporto Goldstone, che intendeva criminalizzare Israele per la giusta reazione ai missili di Hamas lanciati da Gaza."

Ecco, quel "giusta" che da un significato ben preciso alla frase nel discorso ufficiale non c'era, come potete verificare qui.

La Giusta Guerra di Gaza
Dal 2000 al 2009 sono stati sparati poco meno di 9.000 rudimentali ordigni con un bilancio di dieci morti.
La “giusta reazione” di Israele ha provocato poco più di mille morti, circa 300 dei quali bambini.
E’ stata condannata dall’Onu e le stesse autorità israeliane hanno di recente sanzionato due ufficiali per l’uso del fosforo bianco in zone abitate da civili.

Incontro con Abu Mazen
Dopo aver dato la sua idea di reazione giusta B. ha incontrato il leader dell'Anp, Abu Mazen, ed ha dovuto subito incassare la dura reazione per sue inopportune dichiarazioni: "Quella degli israeliani a Gaza fu un'aggressione: c'è un rapporto che si chiama Goldstone sui crimini israeliani e qualunque cosa dica il premier Berlusconi non cambia la realtà".
Non l'hanno detto in Tv? Strano.

Wall? Which wall?
Dopo aver dichiarato in apertura di conferenza stampa di aver fotografato la situazione, a un giornalista che gli chiedeva che impressione gli avesse fatto il muro costruito da Israele in Cisgiordania ha risposto: "Non me ne sono accorto, stavo prendendo appunti e riordinando le idee sulle cose che dovevo dire al presidente Abu Mazen. So di deluderla, me ne scuso".

Per misurare il grado di disinformazione in Italia basta una facile verifica.
La notizia è già (ore 23:15) riportata nei canali di informazione esteri, su twitter in centinaia ne parlano, nessun italiano.

Mentre B. era in Israele per questa indimenticabile missione i suoi uomini hanno fatto approvare alla camera il legittimo impedimentoche consentirà a B. e a tutti i ministri di evitare di presentarsi in tribunale.

Quindi queste due citazioni non fanno una piega:
"Mi sento davvero uno di voi"
3 febbraio 2010 (Israele)
Silvio Berlusconi, capo del Governo Italiano

“Sono orgoglioso di vivere in un Paese che ha il coraggio di investigare sul proprio Primo Ministro”.
30 luglio 2008
Ehud Olmert, capo del Governo di Israele

fonti:
Repubblica.it,Reuters.com,Virgilio Notizie,L'Espresso

altro:
Beppe Grillo - Reazione Giusta .

Share/Save/Bookmark

Nessun commento:

Posta un commento