sabato 16 gennaio 2010

Bondi tassa la memoria di massa
"Buongiorno Compagno"



Dopo la stretta su Internet denunciata sul Web e amplificata dal Blog di Beppe Grillo, da ieri è emersa la notizia di un decreto del Ministro per i Beni Culturali Sandro Bondi firmato il 30 Dicembre. Sulla penna era montato un silenziatore.

"Considerato che, ai sensi dell'articolo 71-septies, comma 1, della legge 22 aprile 1941, n633, detto compenso per 'copia privata'..."

Si parla di equo-compenso per una sorta di risarcimento dei danni che gli autori di contenuti audio-visivi subirebbero quando un utente crea una copia privata dello stesso contenuto.
Noi oggi quando compriamo un cd musicale paghiamo i diritti di autore su quel cd. Quando masterizziamo una compilation di canzoni da tenerci in macchina ripaghiamo i diritti di autore con una tassa applicata al cd vergine che acquistiamo (...in Italia).

Il decreto Bondi estende questo principio di fatto a tutti gli apparecchi e a tutti i supporti che permetto di registrare contenuti audio-visivi.
Quindi lettori mp3, hard-disk multimediali, cellulari, videoregistratori con hard-disk, televisori con hard-disk, videocamere con hard-disk, il decoder Sky...

Il decreto è scaricabile da qui. Per ora gratuitamente....

Analizzando il testo ci si può rendere conto della portata e dell'assurdità di questa iniziativa che, come previsto da Altroconsumo, porterà nelle casse della SIAE 250 milioni di euro l'anno contro gli attuali 70 milioni.




Quindi per le memorie trasferibili (tipo SD, MMC, Memory Stick per cellulari) da 2GB la tassa vale 10 Centesimi, per 4GB vale 12 Centesimi.

Per le Chiavette USB:
  • 2GB (costo circa 10 euro) : la tassa sarà di 20 Centesimi
  • 4GB (circa 15 euro) : la tassa sarà di 36 Centesimi
  • 32GB (circa 90 euro) : la tassa sarà di 2.88 Euro

r) Memoria o Hard Disk integrato in un apparecchio multimediale audio e video portatile o altri dispositivi analoghi.
Oggi un Hard-Disk da 320 GB si trova in commercio a circa 40/50 Euro, applicando la tassa di quasi 30 Euro il suo valore commerciale salirà a 70/80 Euro.
Gli Hard-Disk da 500 GB che oggi costano 70/80 Euro dopo l'entrata in vigore di questa legge costeranno 100/110 Euro.

Purtroppo ogni volta che dobbiamo fare i conti con una norma che regolamenti Internet e gli apparecchi multimediali la sensazione comune a chi possiede una Cultura (Bondi ne è il ministro... d'oh!) informatica e quella di leggere testi firmati da chi probabilmente non sa cos'è un computer o comunque ne ignora le potenzialità.

L'Anie (Federazione nazionale imprese elettrotecniche ed elettroniche) ritiene che il provvedimento penalizzi l'innovazione.

"L'approvazione del decreto ci lascia assolutamente sconcertati", ha commentato Alessandro Mondini Branzi, amministratore delegato di Nokia Italia. "Nokia crede fermamente che l'imposizione di questa tassa sulla copia privata sia iniqua e ingiustificata". I dirigenti italiani della società finlandese hanno voluto far sentire subito la loro voce in merito all'estensione dell'"equo compenso" ai cellulari: "l'ascolto di musica è solo una delle tante funzioni disponibili sul telefono cellulare, il cui contenuto è solitamente acquistato legalmente dal consumatore che ha pertanto già completamente pagato i diritti d'autore", osserva Mondini Branzi e continua: "imporre una nuova tassa sui telefoni cellulari costringe quindi i consumatori a pagare due volte per lo stesso contenuto. Nokia crede che non sussista un fondamento legale o una base razionale alla tassa sulla copia privata applicata ai telefoni secondo quanto previsto dalla direttiva europea sulla copia privata".

Tassando lettori mp3 e pc si creano facilmente delle situazioni paradossali, assurde e ingiuste: chi acquista brani musicali da iTunes (a circa 0.80/1 Euro a brano) paga i diritti d'autore, per memorizzare sul Pc gli mp3 acquistati ripaga i diritti di autore e per ascoltare quella musica finalmente su l'iPod paga una terza volta i diritti d'autore!

La scusa ufficiale che trapela dal Ministero dei Beni Culturali è il recepimento di una direttiva europea.
Come riportato su PuntoInformatico "le maglie larghe della Direttiva comunitaria EUCD del 2001 hanno consentito ad ogni stato membro un recepimento scoordinato e una regolamentazione "personalizzata" dell'istituto dell'equo compenso."

Nei telegiornali sentiremo dire "Ce lo impone l'Europa". Molto strano che nel caso di Rete 4 non si sia mosso un dito nonostante ci fosse una sentenza della corte europea che ritiene abusiva l'emittente che occupa di fatto le frequenze assegnate ad Europa7. La multa inflitta costa allo italiano 350mila euro al giorno. Nè a destra nè a sinistra se ne sono mai occupati seriamente.

L'equo-compenso in Italia già oggi è il più alto d'Europa, per la tassazione che impone su CD e DVD.
Questa norma sarà senza eguali anche per quanto riguarda il "paniere" dei beni tassati.
Oggi praticamente ogni italiano di età compresa fra i 14 anni e i 60 anni ha almeno un cellulare e almeno un computer e sogna un televisore di ultima generazione. Il Governo a favore di telecamera ripete ogni giorno che non alzerà le tasse e a volte si lascia scappare l'intenzione di abbassarle salvo poi dire "scherzavo". In realtà come sostiene Altroconsumo "nel corso di un anno una famiglia italiana media spenderà più di 100 euro per effetto del decreto firmato da Bondi".

E certo che questa norma riguarderà milioni di persone.

A questo proposito la tempistica del decreto è eccezionale: la firma è del 30 Dicembre 2009, penultimo giorno dell'anno, quando sostanzialmente metà dei telegiornali si dedica alle ricette e alla spesa per il Cenone di Capodanno e l'altra metà si occupa dei consigli dei dietologi per perdere peso.

Proviamo a consolarci con una un pò di satira tagliente presa da Spinoza.it
Bondi: "Tassa SIAE su tutti gli apparecchi con memoria".
Per Gasparri e' previsto un rimborso.
[Serjoka]

Tassa alla SIAE per gli apparecchi con memoria.
Gli aerei Ryanair non saranno più dotati di scatola nera.
[LilloArzillo]

Bondi vuole tassare tutti gli apparecchi con memoria.
Solo perchè ogni volta che accende il cellulare appare
"Buongiorno Compagno"
.
[daderoll]
.

Share/Save/Bookmark

Nessun commento:

Posta un commento